Capitolo 12 – Een Zwaard in de Nacht

“Parti ascendente!” Due parole in croce, niente di più. Mi rialzai domandandomi il significato di quella frase, così come quello dei bilancieri. La calligrafia era irriconoscibile: le uniche che conoscevo erano quella di Zeno, usata nella redazione dei miei programmi per la palestra, e quella di Giacinto, sul fondo delle bottiglie di succo che avevo... Continue Reading →

Capitolo 11 – Sous les yeux de la lune

************************************************************************************************* - Sei proprio una sfigata! – infierì Nadia senza smettere di ridere. I ghigni dei due bulli riecheggiavano tra le pareti dello scuolabus ininterrotti, soprattutto quelli di lei. L’umiliazione che stava infliggendo a Giulia pareva eccitarla a livelli che sfioravano il perverso. All’improvviso, dal nulla apparve una fiamma che fece sobbalzare i due fidanzatini... Continue Reading →

Capitolo 10 – The Magnus Legacy

- Ohi, eccoti qui! – esclamò Zeno invitandomi ad avvicinarmi. Il regista degli S6 era seduto su una delle panchine nella sala d’attesa, intento nella lettura di quello che pareva essere un libro di anatomia. Si alzò in piedi richiudendolo e con un cenno mi invitò a seguirlo dentro uno degli ascensori sul lato opposto.... Continue Reading →

Capitolo 9 – Gedanken im Schnee

- Ohi! Così non va bene: devi allinearti alla perfezione! – gridò Zeno dopo l’ennesimo bersaglio mancato. Il regista degli S6 stava sistemando alcuni bersagli in posizioni casuali nello specchio della porta per allenarmi a mirare, ma la maggior parte delle volte inquadravo malissimo. - Resta fermo un secondo – disse Zeno afferrandomi il busto... Continue Reading →

Capitolo 8 – Het gewicht van de wereld

- Benvenuto, Gamberini. Era ora che ti conoscessi. L’allenatore che mi avrebbe seguito nel livello C, un uomo di mezz’età piuttosto robusto, col viso rotondo e occhiali altrettanto rotondi, esordì con quelle parole arrivandomi davanti. La forma delle sue spalle si legava a quella del suo busto e delle sue gambe creando una rotondità quasi... Continue Reading →

Capitolo 6 – Il dubbio R.I.F. (parte 1)

La leggenda degli S6 è una storia ambientata in un mondo in cui uno sport immaginario, denominato pallaveloce, è celebre in Italia al pari di calcio e pallacanestro, oltre che a essere diffuso a livello mondiale. - E dai, non fare la bambina! – sghignazzò la tredicenne bionda sollevando l’unghia insanguinata con la quale aveva... Continue Reading →

Capitolo 5 – Kalter Geist

La leggenda degli S6 è una storia ambientata in un mondo in cui uno sport immaginario, denominato pallaveloce, è celebre in Italia al pari di calcio e pallacanestro, oltre che a essere diffuso a livello mondiale. - Ehilà, Albi! Marco mi venne incontro indossando il suo inseparabile berretto bianco. Durante i weekend mi permettevo di... Continue Reading →

Capitolo 3 – Campo di Marte

La leggenda degli S6 è una storia ambientata in un mondo in cui uno sport immaginario, denominato pallaveloce, è celebre in Italia al pari di calcio e pallacanestro, oltre che a essere diffuso a livello mondiale.    - Cosa fai qui, Gamberini? – chiese Gilberto lasciandomi interdetto. E avevo appena messo piede nel campo. -... Continue Reading →

Capitolo 2 – The Name

La leggenda degli S6 è una storia ambientata in un mondo in cui uno sport immaginario, denominato pallaveloce, è celebre in Italia al pari di calcio e pallacanestro, oltre che a essere diffuso a livello mondiale. - Datti da fare con quelle gambe! Più veloce! La voce autoritaria e militare di Gilberto, l’allenatore del livello... Continue Reading →

Capitolo 1 – Pilot

La leggenda degli S6 è una storia ambientata in un mondo in cui uno sport immaginario, denominato pallaveloce, è celebre in Italia al pari di calcio e pallacanestro, oltre che a essere diffuso a livello mondiale. San Giovanni in Persiceto (BO), 31 agosto 2016 La pallaveloce fa schifo. Almeno era quello che pensavo. Avevo da... Continue Reading →

Creato su WordPress.com.

Su ↑