Capitolo 20 – Paragon of Tenacity

************************************************************** - Entra pure, Giulia. Il dottor Fioravanti fece un cenno con la mano, invitandola a entrare nel suo ufficio. - A cosa devo questa convocazione, presidente? - domandò la ragazza. - Si tratta dello stage invernale di quest'anno. Inizierà la prossima settimana. - Non m'interessa, gliel'ho già detto. Giulia spostò altrove lo sguardo, con... Continue Reading →

Capitolo 19 – Onder het Zenit en tegen de wind

- Pronto? La voce di Marco era inconfondibile. - Ehilà. - Ciao, Albi. Scusa se non mi sono mai fatto sentire mentre eri infortunato. Sai come sono fatto. - Lo so come sei fatto. Volevo dirti grazie per aver dato il mio indirizzo a Francisco. - Un bravissimo ragazzo, vero? Mi ha raccontato che ti... Continue Reading →

Capitolo 18 – Al di là dell’Azimut

- Ecco qui - esordì mio padre porgendomi il pezzo di gesso incorniciato di un vivace blu, che insieme al bianco formava la coppia di colori societari della Sangiovannese. Mi assicurai che avesse un posto d’onore nella mia camera da letto, appendendola più in alto possibile, in modo da poterla osservare da qualunque punto della... Continue Reading →

Capitolo 17 – L’écho des désirs

- Mierda! – esclamò Francisco reggendomi da dietro per aiutarmi a non cadere di nuovo, – Mi sa di frattura. - Temo – commentò Florin smanacciando dentro la sua borsa, estraendone un pacchetto di ghiaccio secco e porgendomelo. – Mettiti questo. Stringendo i denti dal dolore sfilai scarpa e calzino, rivelando un inquietante rigonfiamento sull’esterno... Continue Reading →

Capitolo 16 – De inspirerende omkering

- Ohi! Benvenuta alla Sangiovannese! - gongolò Zeno facendosi strada con Ares e Giulia dentro la palestra. Al centro, un ragazzo e una ragazza, entrambi all'incirca ventenni, stavano passandosi la palla a vicenda. L'edificio era fatiscente e le attrezzature erano così obsolete che sembrava che il tempo si fosse fermato all'epoca dei loro nonni. Giulia... Continue Reading →

Capitolo 15 – Divinity

“Non vedo l’ora.” Era quello che avrei voluto dire, ma qualcosa mi stava bloccando. Giulia si rimise la fascia al braccio e si allontanò senza dir nulla. La sua dichiarazione aveva avuto un effetto strano: stavo tremando, in un misto tra terrore ed eccitazione, come se avessi voluto scappare e restare allo stesso tempo. -... Continue Reading →

Capitolo 14 – Der Einsiedler und die Anbeterin

- Itadakimasu! – gridò un ragazzo dai tratti orientali iniziando a servirsi dall’imponente buffet, allestito in una sorta di sala comune nella palazzina. Non sapevo se essere più impressionato dalla mole di luoghi inesplorati e affascinanti di quell’edificio o dal fatto che un ragazzo avesse potuto viaggiare decine di migliaia di chilometri solo per trascorrere... Continue Reading →

Capitolo 13 – Le chiavi di Babele

- Mamma mia che sonno! – esclamai stiracchiandomi all’indietro e sbadigliando senza nemmeno coprirmi la bocca con la mano, tanto chi mi avrebbe potuto vedere a quell'ora? Non afferravo il motivo per il quale questo allenamento speciale dovesse iniziare così presto, perlopiù a digiuno, ma considerate le fredde temperature pre-natalizie pensai che, in fondo, un... Continue Reading →

Capitolo 12 – Een Zwaard in de Nacht

“Parti ascendente!” Due parole in croce, niente di più. Mi rialzai domandandomi il significato di quella frase, così come quello dei bilancieri. La calligrafia era irriconoscibile: le uniche che conoscevo erano quella di Zeno, usata nella redazione dei miei programmi per la palestra, e quella di Giacinto, sul fondo delle bottiglie di succo che avevo... Continue Reading →

Capitolo 11 – Sous les yeux de la lune

************************************************************************************************* - Sei proprio una sfigata! – infierì Nadia senza smettere di ridere. I ghigni dei due bulli riecheggiavano tra le pareti dello scuolabus ininterrotti, soprattutto quelli di lei. L’umiliazione che stava infliggendo a Giulia pareva eccitarla a livelli che sfioravano il perverso. All’improvviso, dal nulla apparve una fiamma che fece sobbalzare i due fidanzatini... Continue Reading →

Capitolo 10 – The Magnus Legacy

- Ohi, eccoti qui! – esclamò Zeno invitandomi ad avvicinarmi. Il regista degli S6 era seduto su una delle panchine nella sala d’attesa, intento nella lettura di quello che pareva essere un libro di anatomia. Si alzò in piedi richiudendolo e con un cenno mi invitò a seguirlo dentro uno degli ascensori sul lato opposto.... Continue Reading →

Capitolo 9 – Gedanken im Schnee

- Ohi! Così non va bene: devi allinearti alla perfezione! – gridò Zeno dopo l’ennesimo bersaglio mancato. Il regista degli S6 stava sistemando alcuni bersagli in posizioni casuali nello specchio della porta per allenarmi a mirare, ma la maggior parte delle volte inquadravo malissimo. - Resta fermo un secondo – disse Zeno afferrandomi il busto... Continue Reading →

Un sito WordPress.com.

Su ↑